//
archives

Archivio per

Originally posted on lapoesiacheserve:
Ho sempre aspirato a una forma più capace, che non fosse né troppo poesia né troppo prosa e permettesse di comprendersi senza esporre nessuno, né l’autore né il lettore, a sofferenze insigni. Nell’essenza stessa della poesia c’è qualcosa di indecente: sorge da noi qualcosa che non sapevamo ci fosse, sbattiamo quindi…

Anna “Achmàtova” Andreevna Gorenko

La porta è socchiusa   (Da Sera) La porta è socchiusa, dolce respiro dei tigli… Sul tavolo, dimenticati, un frustino ed un guanto. Giallo cerchio del lume… Tendo l’orecchio ai fruscii. Perché sei andato via? Non comprendo… Luminoso e lieto domani sarà il mattino. Questa vita è stupenda, sii dunque saggio, cuore. Tu sei prostrato, batti più … Continua a leggere

Originally posted on Uagnun:
Dino Campana, dai Notturni. Non so se tra roccie il tuo pallido Viso m’apparve, o sorriso Di lontananze ignote Fosti, la china eburnea Fronte fulgente o giovine Suora de la Gioconda: O delle primavere Spente, per i tuoi mitici pallori O Regina O Regina adolescente: Ma per il tuo ignoto poema…

Originally posted on Poetarum Silva:
Ho appreso con gioia che il premio Georg Büchner, il più prestigioso riconoscimento letterario in Germania, è stato assegnato a Felicitas Hoppe. Un’amica, che l’ha ospitata negli anni del soggiorno a Villa Massimo, mi ha fatto conoscere Felicitas. La stessa amica mi ha comunicato qualche giorno fa la splendida notizia. Del…

La Nuova Poetessa Laureata made in USA

Gli Stati Uniti hanno un nuovo poeta ufficiale: donna, afroamericana e – almeno per gli standard – giovane. Lo scorso mese, Natasha Trethewey, 46 anni, è stata nominata dalla Library of Congress diciannovesimo “Poeta Laureato”, dopo Philip Levine. Non solo Trethewey è la prima, dopo Robert Penn Warren nel 1986, a provenire dal Sud – dal Mississippi -, ma è anche … Continua a leggere

Originally posted on Quaderno a righe:
  pic from: lexarexa.deviantart.com     – Bene, vedo che stai costruendoti un bel alibi. – Continuo a leggerti, perchè anche se non ho piu’ accettato una situazione che a me non andava bene, non ho mai detto che non mi interessa come stai o che non avrei continuato…

Originally posted on Quaderno a righe:
. Piero ritornò alla finestra , soffi di vento come stilettate facevano fischiare i pini sulla riva . Sporgendosi per guardare oltre il campanile si scorgeva una cascata che precipitava da una piccola collina . Le sue acque bianche e spumose finivano per scorrere silenziose , ammantate da un…

Tweet